ZITTO E LAVORA. SENNO’… A CASA!!!

ZITTO E LAVORA.
SENNO’… A CASA!!!

13ab8e64843e093d6c28aac7218d2beaae9e046b

Oggi, nel silenzio o quasi dei media, muore definitivamente l’art. 18 dello statuto dei lavoratori.
Con l’approvazione in Consiglio dei Ministri del primo decreto attuativo del Job Act prevista per oggi verranno introdotte le cosiddette “tutele crescenti” e tutti i neo assunti si scorderanno di essere ri-assunti se e quando verranno licenziati senza giusta causa.
Al massimo potranno puntare ad un indennizzo (si, ma quanto vale la cancellazione del futuro e della dignità di una persona? ).

Sarà l’ennesimo provvedimento che toglie diritti a chi lavora e come tutti gli altri adottati da destri e sinistri negli ultimi vent’anni, non creerà più occupazione e, al contrario, toglierà ancora di più la speranza per gli italiani di farsi un futuro, una famiglia e di vivere una vita normale.

Le nostre PMI non hanno più di tanto bisogno di poter cacciare quando vogliono i propri dipendenti, anzi spesso si crea un tutt’uno nelle nostre realtà (ad esempio marchigiane) fra i titolari della ditta ed i dipendenti stessi che si ritrovano fianco fianco a lavorare in azienda per cercare di chiudere entro i tempi una commessa o per tirare semplicemente avanti fra Equitalia alle porte, banche che non sganciano più neanche un euro e concorrenza più o meno sleale di chi evade le tasse impunito perché amico di…o perché clandestino.

Questo ennesimo regalo alle big company del Governo non fa altro che indebolire ulteriormente il già precario e compromesso tessuto sociale italiano, minando ancora una volta alle fondamenta alcuni punti fermi da cui invece si sarebbe dovuto ripartire.

E intanto, Draghi, la Merkel e Junker ringraziano il premier/maggiordomo italiano perché sta facendo bene i compiti e sta spolpando quel che rimane del nostro Paese…

MASSIMO GIANANGELI

20 febbraio 2015

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...