Dobbiamo fidarci e stare tranquilli !!!

Ai tromboni che continuano a minimizzare ed a dire, in occasione di problematiche ambientali che “Il tal impianto sarà tenuto sotto controllo” “Non ci saranno problemi” “Dobbiamo fidarci degli ENTI PREPOSTI ai controlli…” ecc.. vorrei segnalare l’ultimo esempio (in ordine cronologico) di efficienza e tempestività con cui si interviene (perlomeno a Jesi) in caso di problemi ambientali, e quindi sanitari.
A tal fine, riporto il seguente comunicato stampa degli amici del Comitato Asse Sud di Jesi, inerente i recenti episodi di inquinamento o superamento soglie di contaminazione nelle acque in zona Asse Sud -Gallodoro di Jesi.

Invito tutti  a prendersi 5 minuti per aprire tutti i link riportati per poter approfondire meglio la questione (Sono 4: 1- Ordinanza del Sindaco -che invito a leggere molto bene perchè ci sono riportate le tempistiche-, 2- le zone coinvolte, 3,4- due articoli di giornale).

MASSIMO GIANANGELI
_____________________________________

ASSE SUD: l’aria, il rumore, e ora pure l’acqua!!!

Veniamo a conoscenza di una ennesima gravissima problematica sorta nella sempre più martoriata zona “Asse Sud”.

Pare infatti, come si deduce da una analisi dell’ordinanza del Sindaco Belcecchi N.53 del 20 agosto 2010, che negli ultimi mesi, i cittadini residenti nella aree limitrofe al distributore AGIP di Via Gallodoro, abbiano avuto il privilegio di assaporare acqua di pozzo al gusto di manganese, 1.2 dicloroetano, benzene, xileni, manganese, 1.2 dicloropropano in concentrazioni di soglia contaminazione fuori dai valori previsti dalla legge, arricchendo magari con tali “salutari sostanze”, grazie all’irrigazione dei loro orti, pomodori, insalata, melanzane o “cavoletti marzoli”. Come se non bastassero già le abbondanti polveri sottili gentilmente concesse anche da chi ha pianificato lo sviluppo urbanistico e di viabilità del nostro quartiere e, più in generale, della nostra città.

L’assurdità e la gravità della vicenda sono date dal fatto che Comune, Provincia, Regione, Asur e Arpam risulta fossero a conoscenza di una potenziale contaminazione fin dal marzo 2010 e che la Ditta durante questi 5 mesi ha effettuato diverse successive comunicazioni. Sono trascorsi BEN 5 MESI durante i quali i cittadini sono stati tenuti completamente all’oscuro dei potenziali rischi. BEN 5 MESI, prima di avere una ordinanza di divieto di uso dell’acqua a tutela della nostra salute.

Inquinamento acustico, aria e polveri sottili, ora anche l’acqua: la zona Asse Sud è sempre più simile ad un posto “dimenticato da Dio e dagli uomini”. Nonostante ciò (sarà perché le case le abbiamo pagate a suon di mutui e sacrifici) ci ostiniamo a ritenerla ancora facente parte di Jesi e dello Stato Italiano, e, come tale, assoggettata alle normative vigenti.

Pertanto, procederemo immediatamente a regolare richiesta di accesso agli atti per verificare eventuali responsabilità personali, dal momento che potrebbero essere state decisamente non rispettate le tempistiche previste dal D.Lgs 152/2006 per simili situazioni con episodi di potenziale grave contaminazione.

Intanto, invitiamo il Comune ad adoperarsi per una immediata e capillare azione informativa presso i residenti della zona.

Chiediamo inoltre al Sindaco Belcecchi (massima autorità sanitaria cittadina) ed all’Assessore all’Ambiente Maiolatesi, che incredibilmente dichiarano o risultano essere stati ignari di tutto durante questi mesi (vedere qui e qui), di mettere immediatamente on line tutti gli atti di questo sconcertante procedimento (comunicazioni dell’Azienda, descrizione degli intereventi di messa in sicurezza, risultati analisi Arpam e relativa documentazione di accompagnamento, comunicazioni ASUR, atti dell’Amministrazione Comunale, ecc…), dimostrando così almeno un minimo di trasparenza.

Ribadiamo infine la urgenza di implementare, in collaborazione con cittadini e comitati, azioni ed interventi concreti e realmente efficaci, mirati alla risoluzione delle problematiche del nostro quartiere.

Jesi, 26 agosto 2010

Claudio Veroli
Comitato “Asse Sud”

da http://www.comitatotutelasalute.info/index.php/notizie/62-comitati-cittadini/283-asse-sud-laria-il-rumore-e-ora-pure-lacqua

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, inquinamento, salute e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Dobbiamo fidarci e stare tranquilli !!!

  1. cerchio ha detto:

    ” dobbiamo fidarci e stare tranquilli!!!!” ??????????????? mi sembra sia impossibile……….!!!!!!!!
    e’ veramente assurdo quello che è successo……. speriamo qualcuno prenda provvedimenti, qui c’è di mezzo la salute.
    Marialuisa della redazione di http://www.ourplanet.it sito ecologico
    veniteci a visitare

  2. cerchio ha detto:

    Ciao Massimo, mi ha fatto piacere che ti sia piaciuto il nostro sito, speriamo che la vostra situazione si possa risolvere nel migliore dei modi e al piu’ presto possibile, il “menefreghismo dei potenti” è veramente assurdo…….
    continua a venirci a trovare, noi continueremo a seguire il vostro caso per vedere come andrà a finire…. dobbiamo fidarci??????
    dobbiamo stare tranquilli????????????
    a presto Marialuisa http.ourplanetlife.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...